AGEVOLAZIONI: online il Registro Nazionale Aiuti di Stato

Fonte: Studio Astolfi

REGISTRO NAZIONALE DEGLI AIUTI DI STATO

Il 28 luglio 2017 è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il regolamento 31 maggio 2017 – n. 115, che disciplina il funzionamento del Registro Nazionale degli Aiuti di Stato. Il regolamento entra in vigore il 12 agosto 2017.
Con la realizzazione del Registro Nazionale degli Aiuti trova piena attuazione l’art. 52 della legge n. 234/2012, che ha istituito il Registro presso la Direzione generale per gli incentivi alle imprese del Ministero dello sviluppo economico. Il Registro costituisce il primo strumento informatizzato attivato da un Paese membro, cui l’Unione europea guarda con particolare interesse come best practice da replicare negli altri Stati dell’Unione.

Il Registro rappresenta, infatti, un’importante azione di sistema finalizzata, prima di tutto, a dotare il Paese di uno strumento agile ed efficace per verificare che le agevolazioni pubbliche siano concesse nel rispetto delle disposizioni previste dalla normativa comunitaria, specie al fine di evitare il cumulo dei benefici e, nel caso degli aiuti de minimis, il superamento del massimale di aiuto concedibile imposto dall’Unione europea. Il Registro rappresenta contestualmente il sistema in grado di rafforzare e razionalizzare le funzioni di pubblicità e trasparenza.

Il Registro è progettato per consentire alle amministrazioni pubbliche titolari di misure di aiuto in favore delle imprese e ai soggetti, anche di natura privata, incaricati della gestione di tali aiuti di effettuare i controlli amministrativi nella fase di concessione, attraverso il rilascio di specifiche “visure” che recano l’elencazione dei benefici di cui il destinatario dell’aiuto abbia già goduto negli ultimi esercizi in qualunque settore.

Grazie all’immissione degli elementi relativi alle misure di aiuto e alle concessioni operate a favore delle imprese, che le amministrazioni sono obbligate ad effettuare, il Registro è destinato a raccogliere importantissime informazioni relative a tutte le tipologie di aiuto previste dalla normativa europea e nazionale, ad eccezione di quelle relative ai settori dell’agricoltura e della pesca per i quali opereranno i registri SIAN e SIPA (di pertinenza del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali), che saranno comunque interconnessi con il Registro al fine di agevolare le amministrazioni e gli utenti nelle operazioni loro richieste o consentite.

Il Registro è interconnesso anche con il Registro delle imprese, per l’acquisizione di informazioni relative ai soggetti beneficiari degli aiuti, e con il Sistema CUP della Presidenza del Consiglio dei ministri, per consentire, attraverso il Registro, la richiesta e il rilascio del codice unico di progetto.

Il Registro Nazionale degli Aiuti, oltre alle informazioni riguardanti le misure di aiuto vigenti nel Paese e le concessioni effettuate dalle amministrazioni a favore delle imprese, conterrà anche l’elenco dei soggetti tenuti alla restituzione di un aiuto oggetto di decisione di recupero della Commissione europea.

Dall’entrata in funzione del Registro ciascun provvedimento che dispone la concessioni di aiuti a favore di un’impresa, per avere efficacia, dovrà riportare codici identificativi rilasciati dal Registro.

La versione precedente del Registro, la BDA reingegnerizzata, anch’essa operante presso la Direzione generale per gli incentivi alle imprese del Ministero dello sviluppo economico, resta operativa ai soli fini di consultazione e gli aiuti in essa già registrati alla data di pubblicazione del Regolamento saranno trasferiti automaticamente nel nuovo Registro.

Con decreto del Direttore generale per gli incentivi alle imprese 28 luglio 2017 sono stati forniti i tracciati per la trasmissione delle informazioni al Registro e le modalità tecniche per l’interoperabilità del Registro con i sistemi informatici utilizzati per le agevolazioni pubbliche alle imprese.

Il nuovo Registro è operativo dal 12 agosto 2017 sul sito www.rna.gov.it

BANDI INAIL: click day 2017 il 19 giugno h 16

CLICK DAY il 19 giugno 2017

Si avvicina la data del click day INAIL, pratica di invio che ha fatto fiorire negli anni anche società specializzate ad effettuare il click day con postazioni di invio e “cliccatori” reclutati via internet da qualsiasi parte d’Italia, che comodamente da casa propria possono effettuare l’inoltro di una delle domande loro assegnate.

Funziona così:

Continue reading

BANDI INAIL: inserimento domanda fino al 05/06/2017

Fonte: INAIL, Studio Astolfi

Il bando INAIL si compone di 3 fasi:

  • Prima fase: inserimento online della domanda e download del codice identificativo
  • Seconda fase: invio del codice identificativo (click-day)
  • Terza fase: invio della documentazione a completamento della domanda

Prima fase: inserimento online della domanda e download del codice identificativo

Il caricamento online delle domande sul sito dell’INAIL può essere effettuato a partire dal 19 aprile 2017 fino alle ore 18.00 del 5 giugno 2017.

Come sempre, anche quest’anno l’assegnazione fondi avverrà con l’incivile metodo del click day.

Di seguito una serie di link utili all’approfondimento:

BANDI INAIL: graduatorie click day Bando ISI INAIL 2015

Fonte: Studio Astolfi

Sono state pubblicate il 31 maggio le graduatorie del Bando ISI INAIL 2015 – Nelle Marche sono state finanziate 109 domande su 1092, il 10% del totale.

Data pubblicazione graduatoria31 maggio 2016
Domande presentateNr. 1092 di cui

Nr. 244  amianto

Nr. 844  investimento

Le domande complessivamente finanziate sono state 109 (66 investimento + 43  amianto).

Finanziate quindi il 10% delle richieste (109/1092*100).

Domande finanziate InvestimentoNr. 66 (progressivo 81)  su 844 (pari al 7,8%)

Finanziate fino al seguente tempo di invio: 16.00.08.914

[Il progressivo in graduatoria è comunque unico (dalla nr.1 alla nr. 1092)].

Domande finanziate AmiantoNr. 43 (progressivo 244)  su  244 (pari al 17,6%)

Finanziate fino al seguente tempo di invio:

16.00.11.23

[Il progressivo in graduatoria è comunque unico (dalla nr.1 alla nr. 1092)].

 

Il confronto con le altre Regioni

Abbiamo ricontrollato velocemente le graduatorie delle altre regioni (potrebbero esserci comunque delle imprecisioni nei dati predisposti). Le Marche sono l’unica regione, per quanto riguarda gli investimenti, dove non sono state finanziate le domande con un tempo superiore a 8 secondi. In tutte le Regioni più industrializzate sono state finanziate le domande con un tempo di invio medio fino a 10 secondi circa.

INVESTIMENTIAMIANTO
Marche8.91811.230
Emilia Romagna10.65810.647
Lazio11.77821.818
Lombardia10.55710.790
Toscana11.15110.377
Veneto10.52012.213
Piemonte11.92512.755
Campania10.503Tutte finanziate
Liguria14.23016.435
Puglia12.04120.495
Sardegna14.1471.40.206
Friuli10.13520.412
Abruzzo9.91313.020
Umbria9.28414.609
Basilicata9.22717.438
Calabria10.27231.632
Molise10.71940.303
Bolzano10.808Tutte finanziate
Trento10.9722.25.30
Valle D’Aosta15.536Tutte finanziate

LINK INAIL CON TUTTE LE GRADUATORIE