BANDI VOUCHER DIGITALIZZAZIONE PMI

Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico – Studio Astolfi

CONTRIBUTO TRAMITE VOUCHER ALLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE PER LA DIGITALIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E L’AMMODERNAMENTO TECNOLOGICO

Misura agevolazione

Ciascuna impresa può beneficiare di un unico voucher di importo non superiore a 10 mila euro, nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili.

Presentazione domande

La trasmissione della domanda è consentita a partire dalle ore 10.00 del 30 Gennaio 2018 e fino al termine ultimo delle ore 17.00 del 9 febbraio 2018.

Risorse utili

MARCHI+3: domande dal 07/03/2018

Premessa: lo Studio SEGUIRA’ QUESTO BANDO sia per la sola presentazione della domanda di agevolazione, sia – per chi lo desiderasse – per la registrazione del marchio avvalendosi di Studio Legale partner specializzato in proprietà intellettuale.

MARCHI+3 – BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI –   (GU n.285 del 06/12/2017)

SOGGETTO GESTORE: Unioncamere

FONDI STANZIATI A LIVELLO NAZIONALE: € 3.825.000,00 – il 5% dei fondi (€ 191.250,00) è destinato ad imprese con rating di legalità ai sensi del Decreto Interministeriale 20/02/2014 n.57

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE: a partire dalle ore 09:00 del 7/3/2018

CONCESSIONE DELL’AGEVOLAZIONE: le risorse saranno assegnate con procedura valutativa a sportello  secondo  l’ordine cronologico di  presentazione delle domande e sino a esaurimento delle stesse.

AMBITO TERRITORIALE: Territorio nazionale

BENEFICIARI: Micro, piccole e medie imprese (sono quindi escluse le grandi imprese).

ATTIVITA’ SVOLTA: non ci sono limitazioni per quanto riguarda il tipo di attività svolta. Non possono partecipare le imprese escluse dagli aiuti de minimis ex art.1 Reg. (UE) 1407/2013

DECORRENZA DELLE SPESE AMMESSE: sono agevolabili le sole spese sostenute dal 1/6/2017 e comunque in data antecedente alla presentazione della domanda. Non sono ammesse domande a preventivo.

REGIME AGEVOLAZIONE: de minimis

LIMITE MASSIMO DELLE AGEVOLAZIONI: ciascuna impresa può presentare più richieste di agevolazione, sia per la Misura A sia per la Misura B, fino al raggiungimento del valore complessivo di € 20.000,00.

SITO WEB: www.marchipiu3.it/

MISURE AGEVOLAZIONE

MARCHI+3 – MISURA A – AGEVOLAZIONI PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI PRESSO EUIPO (UFFICIO DELL’UNIONE EUROPEA PER LA PROPRIETA’ INTELLETTUALE) ATTRAVERSO L’ACQUISTO DI SERVIZI SPECIALISTICI

Possono richiedere l’agevolazione le imprese che alla data della domanda abbiano effettuato almeno una delle seguente attività:

  • deposito domanda di registrazione presso EUIPO di un marchio e pagamento delle tasse di deposito.

Per accedere alla Misura è obbligatorio che sia avvenuta la pubblicazione della domanda di registrazione del marchio per il quale si  richiedono le agevolazioni

Servizi agevolabili

  • a) Progettazione del nuovo marchio
  • b) Assistenza per il deposito
  • c) Ricerche di anteriorità
  • d) Assistenza legale per azioni di tutela del marchio in caso di opposizione/rifiuto/rilievi seguenti al deposito della domanda di registrazione
  • e) Tasse di deposito/registrazione

Entità agevolazione: fino all’80%  delle  spese  ammissibili  sostenute  e  nel  rispetto  degli  importi massimi  previsti  per  ciascuna  tipologia  di  servizio  di  cui  alle  lettere  “a”,  “b”,  “c”,  “d”, secondo  quanto  riportato al Punto 7.2.

Importo massimo agevolazione: € 6.000,00

MARCHI+3 – MISURA B – AGEVOLAZIONI PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI INTERNAZIONALI PRESSO OMPI (ORGANIZZAZIONE MONDIALE PER LA PROPRIETÀ INTELLETTUALE) ATTRAVERSO L’ACQUISTO DI SERVIZI  SPECIALISTICI

Possono richiedere l’agevolazione le imprese che alla data  di presentazione della domanda di agevolazione abbiano effettuato almeno una delle seguente attività:

  • deposito di domanda di registrazione di un marchio registrato a livello nazionale o comunitario e pagamento delle tasse di deposito
  • deposito di domanda di registrazione presso OMPI di un marchio per il quale è già stata depositata domanda di registrazione nazionale o comunitaria e pagamento delle tasse di deposito;
  • deposito di domanda di designazione successiva di un marchio registrato presso OMPI e pagamento delle tasse di deposito.

Per accedere alla Misura è obbligatorio che sia avvenuta la pubblicazione della domanda di registrazione del marchio per il quale si  richiedono le agevolazioni

Servizi agevolabili

  • a) Progettazione del nuovo marchio nazionale/EUIPO;
  • b) Assistenza per il deposito;
  • c) Ricerche di anteriorità;
  • d) Assistenza legale per azioni di tutela del marchio in caso di opposizione/rifiuto/rilievi seguenti al deposito della domanda di registrazione
  • e) Tasse sostenute presso UIBM o EUIPO e presso OMPI per la registrazione internazionale

Entità agevolazione: fino all’80% delle spese ammissibili (90% per Cina e USA) e nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna tipologia di servizio (Punto 7.2)

Importo massimo agevolazione: da € 6.000,00 ad € 8.000,00.

VUOI RICEVERE INFORMAZIONI SUL BANDO?

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Consento al trattamento dei dati personali ex D.Lgs 196/2003

CAPTCHA

captcha

AGEVOLAZIONI: online il Registro Nazionale Aiuti di Stato

Fonte: Studio Astolfi

REGISTRO NAZIONALE DEGLI AIUTI DI STATO

Il 28 luglio 2017 è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il regolamento 31 maggio 2017 – n. 115, che disciplina il funzionamento del Registro Nazionale degli Aiuti di Stato. Il regolamento entra in vigore il 12 agosto 2017.
Con la realizzazione del Registro Nazionale degli Aiuti trova piena attuazione l’art. 52 della legge n. 234/2012, che ha istituito il Registro presso la Direzione generale per gli incentivi alle imprese del Ministero dello sviluppo economico. Il Registro costituisce il primo strumento informatizzato attivato da un Paese membro, cui l’Unione europea guarda con particolare interesse come best practice da replicare negli altri Stati dell’Unione.

Il Registro rappresenta, infatti, un’importante azione di sistema finalizzata, prima di tutto, a dotare il Paese di uno strumento agile ed efficace per verificare che le agevolazioni pubbliche siano concesse nel rispetto delle disposizioni previste dalla normativa comunitaria, specie al fine di evitare il cumulo dei benefici e, nel caso degli aiuti de minimis, il superamento del massimale di aiuto concedibile imposto dall’Unione europea. Il Registro rappresenta contestualmente il sistema in grado di rafforzare e razionalizzare le funzioni di pubblicità e trasparenza.

Il Registro è progettato per consentire alle amministrazioni pubbliche titolari di misure di aiuto in favore delle imprese e ai soggetti, anche di natura privata, incaricati della gestione di tali aiuti di effettuare i controlli amministrativi nella fase di concessione, attraverso il rilascio di specifiche “visure” che recano l’elencazione dei benefici di cui il destinatario dell’aiuto abbia già goduto negli ultimi esercizi in qualunque settore.

Grazie all’immissione degli elementi relativi alle misure di aiuto e alle concessioni operate a favore delle imprese, che le amministrazioni sono obbligate ad effettuare, il Registro è destinato a raccogliere importantissime informazioni relative a tutte le tipologie di aiuto previste dalla normativa europea e nazionale, ad eccezione di quelle relative ai settori dell’agricoltura e della pesca per i quali opereranno i registri SIAN e SIPA (di pertinenza del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali), che saranno comunque interconnessi con il Registro al fine di agevolare le amministrazioni e gli utenti nelle operazioni loro richieste o consentite.

Il Registro è interconnesso anche con il Registro delle imprese, per l’acquisizione di informazioni relative ai soggetti beneficiari degli aiuti, e con il Sistema CUP della Presidenza del Consiglio dei ministri, per consentire, attraverso il Registro, la richiesta e il rilascio del codice unico di progetto.

Il Registro Nazionale degli Aiuti, oltre alle informazioni riguardanti le misure di aiuto vigenti nel Paese e le concessioni effettuate dalle amministrazioni a favore delle imprese, conterrà anche l’elenco dei soggetti tenuti alla restituzione di un aiuto oggetto di decisione di recupero della Commissione europea.

Dall’entrata in funzione del Registro ciascun provvedimento che dispone la concessioni di aiuti a favore di un’impresa, per avere efficacia, dovrà riportare codici identificativi rilasciati dal Registro.

La versione precedente del Registro, la BDA reingegnerizzata, anch’essa operante presso la Direzione generale per gli incentivi alle imprese del Ministero dello sviluppo economico, resta operativa ai soli fini di consultazione e gli aiuti in essa già registrati alla data di pubblicazione del Regolamento saranno trasferiti automaticamente nel nuovo Registro.

Con decreto del Direttore generale per gli incentivi alle imprese 28 luglio 2017 sono stati forniti i tracciati per la trasmissione delle informazioni al Registro e le modalità tecniche per l’interoperabilità del Registro con i sistemi informatici utilizzati per le agevolazioni pubbliche alle imprese.

Il nuovo Registro è operativo dal 12 agosto 2017 sul sito www.rna.gov.it

MARCHI+2: sospensione delle domande

Sospensione delle domande Bando Marchi + 2

Il Ministero dello Sviluppo Economico comunica che in considerazione dell’esaurimento delle risorse stanziate, a seguito delle prenotazioni pervenute, è sospesa l’acquisizione del protocollo on line preordinato alla presentazione delle domande di agevolazione in favore di micro, piccole e medie imprese per favorire la registrazione di marchi comunitari e internazionali (MARCHI +2).
L’avviso relativo alla suddetta sospensione è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 07 giugno 2016, n. 131 – Serie Generale.

Link al comunicato

Vedi anche:

SINTESI Bando Marchi +2