AGEVOLAZIONI: online il Registro Nazionale Aiuti di Stato

Fonte: Studio Astolfi

REGISTRO NAZIONALE DEGLI AIUTI DI STATO

Il 28 luglio 2017 è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il regolamento 31 maggio 2017 – n. 115, che disciplina il funzionamento del Registro Nazionale degli Aiuti di Stato. Il regolamento entra in vigore il 12 agosto 2017.
Con la realizzazione del Registro Nazionale degli Aiuti trova piena attuazione l’art. 52 della legge n. 234/2012, che ha istituito il Registro presso la Direzione generale per gli incentivi alle imprese del Ministero dello sviluppo economico. Il Registro costituisce il primo strumento informatizzato attivato da un Paese membro, cui l’Unione europea guarda con particolare interesse come best practice da replicare negli altri Stati dell’Unione.

Il Registro rappresenta, infatti, un’importante azione di sistema finalizzata, prima di tutto, a dotare il Paese di uno strumento agile ed efficace per verificare che le agevolazioni pubbliche siano concesse nel rispetto delle disposizioni previste dalla normativa comunitaria, specie al fine di evitare il cumulo dei benefici e, nel caso degli aiuti de minimis, il superamento del massimale di aiuto concedibile imposto dall’Unione europea. Il Registro rappresenta contestualmente il sistema in grado di rafforzare e razionalizzare le funzioni di pubblicità e trasparenza.

Il Registro è progettato per consentire alle amministrazioni pubbliche titolari di misure di aiuto in favore delle imprese e ai soggetti, anche di natura privata, incaricati della gestione di tali aiuti di effettuare i controlli amministrativi nella fase di concessione, attraverso il rilascio di specifiche “visure” che recano l’elencazione dei benefici di cui il destinatario dell’aiuto abbia già goduto negli ultimi esercizi in qualunque settore.

Grazie all’immissione degli elementi relativi alle misure di aiuto e alle concessioni operate a favore delle imprese, che le amministrazioni sono obbligate ad effettuare, il Registro è destinato a raccogliere importantissime informazioni relative a tutte le tipologie di aiuto previste dalla normativa europea e nazionale, ad eccezione di quelle relative ai settori dell’agricoltura e della pesca per i quali opereranno i registri SIAN e SIPA (di pertinenza del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali), che saranno comunque interconnessi con il Registro al fine di agevolare le amministrazioni e gli utenti nelle operazioni loro richieste o consentite.

Il Registro è interconnesso anche con il Registro delle imprese, per l’acquisizione di informazioni relative ai soggetti beneficiari degli aiuti, e con il Sistema CUP della Presidenza del Consiglio dei ministri, per consentire, attraverso il Registro, la richiesta e il rilascio del codice unico di progetto.

Il Registro Nazionale degli Aiuti, oltre alle informazioni riguardanti le misure di aiuto vigenti nel Paese e le concessioni effettuate dalle amministrazioni a favore delle imprese, conterrà anche l’elenco dei soggetti tenuti alla restituzione di un aiuto oggetto di decisione di recupero della Commissione europea.

Dall’entrata in funzione del Registro ciascun provvedimento che dispone la concessioni di aiuti a favore di un’impresa, per avere efficacia, dovrà riportare codici identificativi rilasciati dal Registro.

La versione precedente del Registro, la BDA reingegnerizzata, anch’essa operante presso la Direzione generale per gli incentivi alle imprese del Ministero dello sviluppo economico, resta operativa ai soli fini di consultazione e gli aiuti in essa già registrati alla data di pubblicazione del Regolamento saranno trasferiti automaticamente nel nuovo Registro.

Con decreto del Direttore generale per gli incentivi alle imprese 28 luglio 2017 sono stati forniti i tracciati per la trasmissione delle informazioni al Registro e le modalità tecniche per l’interoperabilità del Registro con i sistemi informatici utilizzati per le agevolazioni pubbliche alle imprese.

Il nuovo Registro è operativo dal 12 agosto 2017 sul sito www.rna.gov.it

L. 598/94 RICERCA Bando 2010: rettifica alla graduatoria

Fonte: www.studioastolfi.com

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. [INNOVAZIONE, RICERCA E COMPETITIVITA’ DEI SETTORI PRODUTTIVI ] N. 164/IRE DEL 11/11/2011

Oggetto: Por Marche Fesr 2007-2013 Intervento
1.1.1.4.1 “Promozione della ricerca industriale e dello sviluppo sperimentale nelle PMI” – Bando 2010 – Rettifica graduatoria approvata con DDPF 156/IRE del 20.10.2011

>>>> VAI ALLA GRADUATORIA

AGEVOLAZIONI Marche: prorogate la 598 ricerca e il POR Innovazione

Sono state prorogate le scadenze per la presentazione delle domande di agevolazione relativamente ai seguenti Bandi:

  • L.598/94 Ricerca Marche, scadenza prorogata dal 28 febbraio al 28 marzo 2011;
  • POR Marche 2007 – 2013 – Innovazione dei Processi Aziendali, scadenza prorogata dal 3 marzo all’8 aprile 2011.

Si rinvia al seguente link dello Studio Astolfi (con il quale collaboriamo in materia di agevolazioni alle imprese) per una trattazione approfondita degli argomenti , la sintesi dei Bandi e i contatti per la richiesta di informazioni

L. 598/94 RICERCA Marche: Bando 2010

La Regione Marche ha pubblicato il nuovo Bando relativo alla L. 598/94 RICERCA Marche.

Di seguito sono riportati i dati essenziali.

DENOMINAZIONE: Por Marche Fesr 2007-2013 Intervento 1.1.1.4.1 “Promozione della ricerca industriale e dello sviluppo sperimentale nelle PMI” (art. 11 Legge 598/94)

RIFERIMENTO: DDPF Innovazione, Ricerca, Distretto Tecnologico e Competitività dei Settori Produttivi N. 268/IRE_11 del 09/11/2010 – in B.U.R.M. n.101 del 18/11/2010

FONDI STANZIATI: Euro 6.000.000,00 – il 15% di questa somma è riservato alle imprese artigiane

SOGGETTO GESTORE: Unicredit Mediocredito Centrale – www.incentivi.mcc.it

SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE: 28 febbraio 2011

SOGGETTI BENEFICIARI: PMI artigiane ed industriali

AMBITO TERRITORIALE: unità locali ubicate nel territorio della Regione Marche

PROGETTI AGEVOLATI: progetti di ricerca industriale e/o di sviluppo sperimentale di durata non superiore a 18 mesi da realizzarsi nei seguenti ambiti tematici

– Energie rinnovabili, efficienza energetica ed eco sostenibilità di prodotti e processi

Domotica per l’Ambient Assisted Living

Materiali innovativi e soluzione tecnologiche avanzate nel prodotti “Made in Italy” customizzati e “verdi”.

SPESE AMMISSIBILI:

Investimento minimo: Euro 200.000,00
Investimento massimo: Euro 1.000.000,00

  1. spese per personale dipendente (ricercatori, tecnici, e altro personale ausiliario, escluso personale amministrativo e contabile)
  2. costi della strumentazione e delle attrezzature di nuovo acquisto utilizzate per il progetto e per la durata di questo.
  3. spese per servizi di consulenza e per servizi equivalenti utilizzati esclusivamente ai fini delle attività di ricerca e/o sviluppo.
  4. costi dei materiali direttamente imputabili alle attività di ricerca.

REALIZZAZIONE PROGETTI DI RICERCA: sono ammissibili all’agevolazione solo i progetti con data di inizio non antecedente la data di presentazione della domanda a Unicredit Mediocredito Centrale.
Il progetto deve avere comunque inizio al massimo entro 30 giorni dalla data di arrivo della comunicazione del provvedimento di concessione e deve essere comunque realizzato entro 18 mesi dalla data di inizio del progetto.

CONTRIBUTO CONCEDIBILE:

a) Contributo in conto capitale (a fondo perduto) pari al 35% del costo del progetto ammesso all´agevolazione;

b) Eventuale contributo aggiuntivo in conto interessi, a richiesta del proponente, fino ad un massimo del 10% del costo del progetto ammesso all´agevolazione.

Per una sintesi della normativa si rimanda al seguenti link dello Studio Astolfi, con il quale lo Studio Giardini collabora in materia di agevolazioni per le imprese: vai alla sintesi della normativa;

Per il bando completo e la modulistica: bando 598/94 anno 2010 Marche