FOTOVOLTAICO: dichiarazione annuale di consumo 2020 in scadenza al 31/03

Fotovoltaico: dichiarazione annuale di consumo 2020 energia elettrica in scadenza al 31/03/2021

VAI ALL’UTILITY IMPIANTI A CESSIONE TOTALE

VAI ALL’UTILITY PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI A SCAMBIO SUL POSTO

E’ ormai imminente la scadenza del 31 marzo, per l’invio telematico all’Agenzia Dogane e Monopoli della Dichiarazione Annuale di Consumo (Mod. AD-1) per l’anno 2020.

L’adempimento è obbligatorio per tutti gli impianti fotovoltaici con potenza > 20 kwp. Le sanzioni previste in caso di inadempimento vanno dai 500 € ai 3000 € fino nei casi più gravi alla sospensione dell’incentivo da parte del GSE.

DICHIARAZIONE ANNUALE CONSUMO

Tale obbligo è previsto dal TUA (Testo Unico Accise), che all’art.53, commi 1 e 2, individua i soggetti obbligati al pagamento dell’accisa sull’energia elettrica e all’art.53 co.8 impone a quegli stessi soggetti di presentare la dichiarazione annuale di consumo. La dichiarazione va fatta anche per soli usi esenti. Inoltre l’art.53-bis individua altri soggetti a loro volta obbligati a presentare la dichiarazione.
Esistono quindi tre tipi di SOGGETTI tenuti alla dichiarazione che sono definiti come segue:
• OBBLIGATI CON LICENZA
• OBBLIGATI CON AUTORIZZAZIONE
• NON OBBLIGATI

COME INVIARE LA DICHIARAZIONE ANNUALE CONSUMO

In precedenza si usava il software Elettricità dell’Agenzia Dogane: si scaricava, si compilava la dichiarazione, si firmava digitalmente ed inviava attraverso il STD (Servizio Telematico Doganale).
Obbligatoriamente a partire dalla dichiarazione del 2020, che si presenta entro il 31 marzo 2021, la modalità di invio è cambiata drasticamente.

  • MODALITA’ U2S – User to System: si utilizza un’applicazione web fruibile dal portale delle Dogane (Portale Unico dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – PUDM), per cui non è necessario dotarsi di un apposito software.
  • MODALITÀ S2S – System to System: si utilizza una piattaforma software apposita, per cui bisogna dotarsi di un apposito software sviluppato da terzi.

Nelle utility proposte spieghiamo come usare l’applicazione web.
Cosa fare quindi, se siete arrivati a ridosso di scadenza come sempre? Le scelte sono 2:
1° scelta – vi rivolgete al call center dogane 800257428 dove, al netto delle attese, vi diranno qualche cosa alla volta, e probabilmente perderete ore ed ore del vostro tempo prima di capire, oltre ai frequenti blocchi del sito di assistenza (abituatevi a questa schermata)

2° scelta – utilizzate le utility predisposte dallo Studio. Nella migliore delle ipotesi ci vogliono 30 minuti, nella peggiore 1 ora (e non un giorno intero come sarebbe senza questa mini guida). E’ necessario essere in possesso di CNS o SPID

COSA C’E’ NELLE UTILITY

Le utility sono due, e coprono gran parte delle casistiche di impianto fotovoltaico aziendale

1) UTILITY IMPIANTI A CESSIONE TOTALE

2) UTILITY PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI A SCAMBIO SUL POSTO (Uso Esente Accisa)

Ogni utility comprende:
1) UTILITY EXCEL per ricavare i dati da inviare all’Agenzia Dogane ed anche per tenere un registro informatico dei valori annuali in modo da avere sempre le dichiarazioni pronte;
2) e-book in pdf che spiega:
– come usare l’utility
– come fare la dichiarazione per questo tipo d’impianto, passo per passo, con esempi reali, e i casi particolari (ad es. il cambio di contatore in corso d’anno);
– la NUOVA PROCEDURA DI INSERIMENTO E INVIO TELEMATICO DELLA DICHIARAZIONE (novità di quest’anno – valido per ogni tipo di impianto).

Tutta la procedura è stata pensata per poter essere utilizzata subito da chiunque, anche dal meno esperto.

 

FOTOVOLTAICO: utility dichiarazione energia elettrica al 31 marzo Impianti CESSIONE TOTALE

Fotovoltaico Utility dichiarazione energia elettrica al 31 marzo 2021 – Impianti CESSIONE TOTALE – Excel + E-book

VAI ALL’UTILITY IMPIANTI A CESSIONE TOTALE

Entro il 31 marzo di ogni anno deve essere inviata all’Agenzia Dogane e Monopoli la Dichiarazione Annuale di Consumo (Mod. AD-1). Per l’anno 2020 la scadenza è il 31/03/2021. Tale adempimento è obbligatorio per tutti gli impianti fotovoltaici con potenza > 20 kwp. Le sanzioni previste in caso di inadempimento vanno dai 500 € ai 3000 € fino nei casi più gravi alla sospensione dell’incentivo da parte del GSE.

DICHIARAZIONE ANNUALE CONSUMO

Tale obbligo è previsto dal TUA (Testo Unico Accise D.Lgs 504/1995), che all’art.53, commi 1 e 2, individua i soggetti obbligati al pagamento dell’accisa sull’energia elettrica e all’art.53 co.8 impone a quegli stessi soggetti di presentare la dichiarazione annuale di consumo, per fornire gli elementi necessari all’accertamento e liquidazione del debito d’imposta. La dichiarazione va fatta anche per soli usi esenti. Inoltre l’art.53-bis individua altri soggetti a loro volta obbligati a presentare la dichiarazione.
Esistono quindi tre tipi di SOGGETTI tenuti alla dichiarazione che sono definiti come segue:
• OBBLIGATI CON LICENZA: a questa categoria appartengono i seguenti casi
– officina di produzione da fonti rinnovabili uso esente
– tutte le officine di produzione se non ricadenti nelle Officine di produzione da fonti rinnovabili uso esente
– officina d’acquisto per uso proprio
– officina d’acquisto per rivendita
– officina di produzione + officina d’acquisto per uso proprio
• OBBLIGATI CON AUTORIZZAZIONE: a questa categoria appartengono i seguenti casi
– vendita al consumatore finale
• NON OBBLIGATI: a questa categoria appartengono i seguenti casi
– officina di produzione
– rete di trasporto/ distribuzione

Il caso trattato in questo e-book è quello seguente:
 Soggetti non obbligati – Officina di produzione, che corrisponde alla casistica degli impianti a CESSIONE TOTALE

COME INVIARE LA DICHIARAZIONE ANNUALE CONSUMO

In precedenza si usava il software Elettricità dell’Agenzia Dogane: si scaricava, si compilava la dichiarazione, si firmava digitalmente ed inviava attraverso il STD (Servizio Telematico Doganale).
Obbligatoriamente a partire dalla dichiarazione del 2020, che si presenta entro il prossimo 31 marzo 2021, la modalità di invio è cambiata drasticamente.
Non più software, ma Web Service oppure Area Riservata del portale ADM.
Cosa fare quindi, considerando che, oberati da altri millemila adempimenti, arriverete a ridosso di scadenza come sempre? Le scelte sono 2:
1° scelta – vi rivolgete al call center dogane 800257428 dove, al netto delle attese, vi diranno qualche cosa alla volta, e probabilmente perderete ore ed ore del vostro tempo prima di capire, oltre ai frequenti blocchi del sito di assistenza (abituatevi a questa schermata)

2° scelta – si legge la guida e si va lisci come l’olio. Nella migliore delle ipotesi ci vogliono 30 minuti, nella peggiore 1 ora (e non un giorno intero come sarebbe senza questa mini guida). Senza contare che l’anno prossimo al momento di ripresentare la dichiarazione si potrà riutilizzare questa guida.

COSA C’E’ NELL’UTILITY

La GUIDA comprende:
1) UTILITY EXCEL per gli IMPIANTI A CESSIONE TOTALE (RID) per ricavare i dati da inviare all’Agenzia Dogane ed anche per tenere un registro informatico dei valori annuali in modo da avere sempre le dichiarazioni pronte;
2) e-book in pdf che spiega:
– come usare l’utility
– come fare la dichiarazione per questo tipo d’impianto, passo per passo, con esempi reali, e i casi particolari (ad es. il cambio di contatore in corso d’anno);
– la NUOVA PROCEDURA DI INSERIMENTO E INVIO TELEMATICO DELLA DICHIARAZIONE (novità di quest’anno – valido per ogni tipo di impianto).

Tutta la procedura è stata pensata per poter essere utilizzata subito da chiunque, anche dal meno esperto. Aprite l’e-book e seguitelo passo passo.

VAI ALL’UTILITY IMPIANTI A CESSIONE TOTALE

Hai invece un impianto Fotovoltaico in Regime di Scambio Sul Posto – Uso Esente Accisa? Vedi l’UTILITY PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI A SCAMBIO SUL POSTO

FOTOVOLTAICO: utility dichiarazione energia elettrica al 31 marzo Impianti USO ESENTE ACCISA

Fotovoltaico Utility dichiarazione energia elettrica al 31 marzo 2021 – Impianti USO ESENTE ACCISA – Excel + E-book

VAI ALL’UTILITY FOTOVOLTAICO USO ESENTE ACCISA

Entro il 31 marzo di ogni anno deve essere inviata telematicamente all’Agenzia Dogane e Monopoli la Dichiarazione Annuale di Consumo (Mod. AD-1). Per l’anno 2020 la scadenza è il 31/03/2021. Tale adempimento è obbligatorio per tutti gli impianti fotovoltaici con potenza > 20 kwp. Le sanzioni previste in caso di inadempimento vanno dai 500 € ai 3000 € fino nei casi più gravi alla sospensione dell’incentivo da parte del GSE.

DICHIARAZIONE ANNUALE CONSUMO

Questo obbligo è previsto dal TUA (Testo Unico Accise D.Lgs 504/1995 e s.m.i.), che all’art.53, commi 1 e 2, individua i soggetti obbligati al pagamento dell’accisa sull’energia elettrica e all’art.53 co.8 impone a quegli stessi soggetti di presentare la dichiarazione annuale di consumo, per fornire tutti gli elementi necessari all’accertamento e liquidazione del debito d’imposta. La dichiarazione va fatta anche per soli usi esenti. Inoltre l’art.53-bis individua altri soggetti a loro volta obbligati a presentare la dichiarazione.
Esistono quindi tre tipi di soggetti tenuti alla dichiarazione che sono definiti come segue:
• SOGGETTI OBBLIGATI CON LICENZA: a questa categoria appartengono i seguenti casi
– officina di produzione da fonti rinnovabili uso esente
– tutte le officine di produzione se non ricadenti nelle Officine di produzione da fonti rinnovabili uso esente
– officina d’acquisto per uso proprio
– officina d’acquisto per rivendita
– officina di produzione + officina d’acquisto per uso proprio
• SOGGETTI OBBLIGATI CON AUTORIZZAZIONE: a questa categoria appartengono i seguenti casi
– vendita al consumatore finale
• SOGGETTI NON OBBLIGATI: a questa categoria appartengono i seguenti casi
– officina di produzione
– rete di trasporto/ distribuzione

Il caso trattato in questo e-book è quello seguente:
• Officina di produzione da fonti rinnovabili uso esente accisa, che abbraccia parte della casistica degli impianti a SCAMBIO SUL POSTO

COME INVIARE LA DICHIARAZIONE ANNUALE CONSUMO

In precedenza si usava il software Elettricità dell’Agenzia Dogane: si scaricava, si compilava la dichiarazione, si firmava digitalmente ed inviava attraverso il STD (Servizio Telematico Doganale).
Obbligatoriamente a partire dalla dichiarazione del 2020, che si presenta entro il prossimo 31 marzo 2021, la modalità di invio è cambiata drasticamente.
Niente più software, ma Web Service oppure Area Riservata del portale ADM.
Cosa fare quindi, considerando che, oberati da altri millemila adempimenti, arriverete a ridosso di scadenza come sempre? Le scelte sono 2:
1° scelta – vi rivolgete al call center dogane 800257428 dove, al netto delle attese, vi diranno qualche cosa alla volta, e probabilmente perderete ore ed ore del vostro tempo prima di capire, oltre ai frequenti blocchi del sito di assistenza (abituatevi a questa schermata)

2° scelta – si legge la guida e si va lisci come l’olio. Nella migliore delle ipotesi ci vogliono 30 minuti, nella peggiore 1 ora (e non un giorno intero come sarebbe senza questa mini guida). Senza contare che l’anno prossimo al momento di ripresentare la dichiarazione si potrà riutilizzare questa guida.

COSA C’E’ NELL’UTILITY

La GUIDA comprende:
1) una UTILITY EXCEL per gli IMPIANTI A SCAMBIO SUL POSTO, per ricavare i dati da inviare all’Agenzia Dogane ed anche per tenere un registro informatico dei valori annuali in modo da avere sempre le dichiarazioni pronte;
2) un e-book in pdf che spiega:
– come usare l’utility
– come si fa la dichiarazione per questo tipo d’impianto, passo per passo, con esempi reali, e i casi particolari (ad es. il cambio di contatore in corso d’anno);
– la NUOVA PROCEDURA DI INSERIMENTO E INVIO TELEMATICO DELLA DICHIARAZIONE (novità di quest’anno – valido per ogni tipo di impianto).

VAI ALL’UTILITY FOTOVOLTAICO USO ESENTE ACCISA

DOGANA: certificati firma digitale Dogane da controllare e rinnovare

Certificati di firma digitale Dogane in scadenza da controllare ed eventualmente rinnovare tramite Desktop Dogane.

Sul sito dell’Agenzia Dogane e Monopoli, alla sezione comunicazioni, compare la seguente news del 8/01/2021 e del 18/01/2021:

Si comunica che tutti i certificati di autenticazione e firma rilasciati dall’applicazione ‘Desktop Dogane’ prima del giorno 8 Gennaio 2019 sono validi fino al 27 gennaio 2021. E’ possibile verificare la scadenza del certificato di cui si e’ in possesso utilizzando la funzione ‘Gestore Certificati Utente’ del plug-in ‘Firma e Verifica’ del Desktop Dogane.
Qualora il proprio certificato rientri in tale casistica e’ necessario procedere alla REVOCA del vecchio certificato e alla generazione del nuovo. I nuovi certificati potranno essere generati e utilizzati gia’ a partire dalla data odierna.

certificati di firma digitale sono quei file (di solito si chiamano keystore.ks o keystore.p12) con cui l’utente firma digitalmente il file da inviare all’Agenzia Dogane tramite il STD (Servizio Telematico Doganale). Vanno rinnovati ogni 3 anni.

Per fortuna, ci lasciano passare la scadenza dell’Intrastat del 25 gennaio.

In pratica, per verificare la situazione, è necessario:

  • aprire Desktop Dogane, ed eventualmente aggiornare il programma;
  • selezionare Gestione Firma e Verifica;
  • scegliere Gestore Certificati Utente;
  • Inserire la password del repository dell’utente (sarebbe la password con cui si firmano digitalmente i files da inviare all’ADM) e dare OK;
  • a questo punto si apre una schermata che evidenzia le date di inizio e fine validità del certificato.

Nel caso che il certificato di firma digitale Dogane sia valido anche oltre quella data, non ci sono problemi, altrimenti è necessario rinnovarlo tramite le procedure di Revoca certificato e Genera Certificato.

Per sapere come fare per rinnovare i certificati di firma digitale Dogane, vai a questo articolo del sito:

Puoi trovare altre utilità per il tuo lavoro nella sezione UTILITY & DOWNLOAD del sito